Il primo videogioco elettronico: Pong

Sapete quel’è stato il primo videogioco?

Negli anni 70, quando ancora molti televisori erano in bianco e nero, è stato inventato il primo videogioco: PONG;

Il gioco era una simulazione del tennis o più probabilmente del tennis da tavolo, il Ping Pong, da cui probabilmente il nome. Una pallina rappresentata da un quadrato bianco, correva da un lato all’altro dello schermo, i giocatori avevo in mano un semplicissimo controller che permetteva (ruotando) di spostare una racchetta, rappresentata da una barretta bianca sullo schermo, dall’alto verso il basso e viceversa; muovendo questa racchetta bisognava far rimbalzare la pallina sul lato opposto dello schermo. 

Il gioco prevedeva diverse difficoltà rappresentate dalla velocità della palla, e dalla dimensione della racchetta che potevano essere raddoppiate nel caso della velocità della palla o dimezzate nel caso della dimensione della racchetta.

Il videogioco aveva inoltre degli effetti audio, anzi, da quello che ricordo un solo suono, il pong della palla che colpiva la racchetta; quasi sempre il suono era emesso direttamente dalla scatolina che conteneva il gioco e non dal televisore.

All’interno della scatolina c’era quasi sempre un unico integrato che svolgeva tutte le funzioni e una serie di componenti passivi (resistenze e condensatori); alcuni avevano un trasformatore con circuito di raddrizzamento perchè funzionavano direttamente con la tensione di rete ma la maggior parte utilizzavano le batterie, non so se ricordate i vecchi torcioni, pesanti come una scatoletta di pelati.

I controlli erano prevalentemente a rotazione (dei potenziometri come i regolatori del volume nelle radio)   ma alcuni erano a slitta; Con il tempo, con l’ossidazione delle superfici di contatto, il movimento della racchetta non è più fluido e la si muove a scatti, in questo caso bisogna smontare il potenziometro e pulirlo, se avete intenzione di provarci armatevi di tanta pazienza. 

I PONG sono usciti in tanti modelli, io ne ho raccolti un po per passione e continuo a raccoglierli quando li trovo ad un prezzo ragionevole; eccone alcuni della mia collezione:

Il tennis non era l’unico gioco presente, di solito è presente un selettore che permette di scegliere fra PELOTA che consiste nel far rimbalzare una palla contro una parete, SQUASH dove due giocatori ognuno con il suo controller si sfidano a far rimbalzare la palla contro la parete facendola rimbalzare prima uno e poi l’altro, FOOTBALL dove ogni giocatore controlla due racchette, una che fa da portiere e una che fa da attaccante e deve cercare di far finire la palla in porta evitando che ci riesca l’avversario e TENNIS dove due giocarti si rimbalzano la palla cercando di non mancarla.

Questa la foto del circuito di un PONG:

Lascia un commento